Comune San Candido - piano clima - TER02

SCHEDA TER02

TURISMO DOLCE ED ENERGICAMENTE SOSTENIBILE

Settore: Settore turistico

Area di intervento: Mobilità, comportamenti

Strumento di pianificazione: Sensibilizzazione

Competenze e soggetti coinvolti: Assessore comunale, associazione turistica, HGV (Unione albergatori e pubblici esercenti), Provincia, IDM

Periodo: 2021 - 2030

Interventi già realizzati

Il turismo costituisce per San Candido e, in generale, per tutto l’Alto Adige, un importante fattore economico e influisce in modo significativo su settori come trasporti, fabbisogno energetico, agricoltura e tutela ambientale.

L’associazione turistica di San Candido già da qualche anno ha avviato iniziative e adottato misure volte a ridurre l’impatto energetico e ambientale delle sue attività ma anche a sensibilizzare i turisti. Tra queste si riportano:

  • riduzione del materiale informativo stampato e promozione dell’uso di supporti digitali per la diffusione di informazioni (creazione di 3 totem informativi digitali, codici QR, ecc.);
  • sensibilizzazione degli ospiti all'uso dei mezzi di trasporto pubblici;
  • sensibilizzazione delle imprese ad acquistare prodotti locali;
  • sensibilizzazione della popolazione a comprare locale;
  • promozione della mobilità elettrica;
  • sistema di prenotazione digitale dei biglietti;
  • digitalizzazione delle attrazioni turistiche, visite guidate digitali;
  • sensibilizzazione dei turisti con l’adesione al progetto “Rispetta la montagna”.

Prossimi sviluppi dell’azione

L’amministrazione comunale di San Candido potrà, in collaborazione con l’associazione turistica locale, continuare a portare avanti iniziative legate al turismo sostenibile che, oltre a promuovere lo sviluppo dell’imprenditorialità, favoriscano i contatti fra i gestori e gli enti che operano nel settore del turismo, per incentivare forme di collaborazione e convenzioni, con un occhio particolare alla sostenibilità ambientale.

L’azione si potrebbe sviluppare mediante la promozione e l’applicazione del marchio ecolabel o di altri marchi esistenti a livello locale, come il marchio ClimaHotel, a tutte quelle attività ricettive che rispettino una serie di requisiti di ecosostenibilità.

L’applicazione del marchio deve essere il più possibile obiettiva, trasparente e credibile e andrà quindi collegata con i più diffusi sistemi standardizzati di valutazione e regolamentata da un disciplinare, che ne determini univocamente le regole di accesso e di utilizzo.

In particolare, i principi di sostenibilità ambientale da rispettare riguarderanno, ad esempio, le informazioni da fornire agli ospiti sul risparmio idrico ed energetico, la riduzione dei rifiuti del servizio di ristorazione, la limitazione di articoli usa e getta e la promozione dell’utilizzo di mezzi di trasporto più ecologici, la stipula di un contratto di approvvigionamento di energia elettrica da fonti rinnovabili, l’utilizzo di apparecchiature di illuminazione di classe A++ e di prodotti alimentari locali o provenienti da agricoltura biologica.

Per il turismo e gli albergatori si tratta di un valore aggiunto importante, che assicura un vantaggio economico nel breve-medio termine, garantendo agli ospiti la possibilità di soggiornare in luoghi dove il benessere e il rispetto della natura sono gli obiettivi prioritari.

A tutela del clima si potrebbero inoltre porre limiti più stringenti all’espansione del settore ricettivo, per esempio imponendo un tetto al numero di posti letto per comune o regione, in modo da favorire la diversificazione e la destagionalizzazione del turismo, e così ridurre il carico di presenze durante la stagione sciistica e i mesi estivi.

Inoltre, sarà necessario investire in progetti di mobilità alternativi, i cui aspetti centrali sono: arrivo e partenza con mezzi di trasporto pubblici, collegamenti efficienti e affidabili con gli aeroporti fuori provincia, soluzioni sostenibili per il cosiddetto “ultimo miglio” fino all’hotel/appartamento, disponibilità di e-bike o auto elettriche a noleggio. Attualmente sono già disponibili delle MobilCard, che possono essere utilizzate senza limiti durante il periodo di validità (1, 3 o 7 giorni) su tutti i treni, gli autobus e alcune funivie in Alto Adige. Sarà importante organizzare anche campagne di sensibilizzazione e di coinvolgimento dei turisti, ad esempio attraverso l’organizzazione di eventi con focus sulla sostenibilità, o attraverso la compilazione di questionari al fine di determinarne l’impronta ecologica e invitandoli ad adottare comportamenti più attenti alla sostenibilità energetica e ambientale.

Si ritiene che questa azione possa favorire la riduzione dei consumi del settore terziario del 5%. Gli impatti sulla mobilità sono stati conteggiati nelle schede azione del settore trasporti.

Risparmio energetico (MWh/anno): 1.172

Energia da FER (MWh/anno): 0

Risparmio di CO2 in tonnellate: 37

Attori coinvolti: Comune, associazione turistica di San Candido, strutture ricettive e strutture turistiche

Strumenti di finanziamento: Risorse private, incentivi provinciali

Indicatori di monitoraggio: Numero di strutture certificate con marchi di sostenibilità, andamento del consumo di energia del settore terziario

Avanzamento dell’azione: IN CORSO

Effetto sull’adattamento:

Effetto sulla povertà energetica: No

 

 

      ritorna ai progetti